27° Conglesso Provinciale ACLI L'AQUILA

"RIGENERARE COMUNITA' PER RICOSTRUIRE IL PAESE"

CONGRESSO DEL 10 MARZO 2012 - HOTEL CANADIAN - L'AQUILA

Per noi Aclisti della Provincia di L'Aquila questo Congresso riveste un carattere ed una forma ancor più particolare: è il primo Congresso dopo il terribile sisma del 6 Aprile che ha duramente colpito il nostro territorio con inaudita violenza. Diversi amici aclisti purtroppo non ci sono più, altri hanno perso la loro casa i loro amici, i loro affetti. Credo che ognuno di noi, anche se in diversa misura, ha vissuto una terribile esperienza che ci ha segnato la vita, che è difficile dimenticare, che ha cambiato il nostro modo di affrontare e vivere le cose, che ci ha fatto riscoprire o apprezzare alcuni valori che riesci a capire solo quando vivi direttamente un'esperienza così drammatica. E' difficile comprendere la drammaticità di questo evento se non lo si vive direttamente. Celebrare, a tre anni dal sisma, il Congresso Provinciale delle ACLI mi dà un minimo di parvenza di ritorno alla normalità, alla vita associativa, ai progetti che avevamo in cantiere prima del 6 Aprile e che in trenta secondi abbiamo visto distrutti, sconvolti, radicalmente modificati. In un Congresso solitamente si fa un bilancio dell'attività svolta nel quadriennio precedente e delle strategie future da intraprendere. Intervento dell'arcivescovo metropolita G.MOLINARI Nel nostro territorio è innegabile che è particolarmente difficile parlare di futuro, di vita associativa, di progettualità, sapendo che diverse strutture circolo non hanno più una sede, che diversi soci hanno problemi per la ricostruzione della propria abitazione, che alcuni di loro hanno perso il lavoro, altri sono stati costretti a trasferirsi.